Carabinieri: Savigliano conferisce la Cittadinanza Onoraria

Un magnifico riconoscimento all’Arma dei Carabinieri, uno dei corpi più gloriosi del nostro paese, arriva da Savigliano, comune in provincia di Cuneo. In occasione dei 200 anni dell’Arma, infatti, il comune di Savigliano cuneese concede al corpo armato la cittadinanza onoraria. Si tratta di uno dei riconoscimenti più importanti, concesso solo a persone (o in questo caso, a corpi) altamente meritevoli.

La storia dei Carabinieri è legata profondamenta a quella di Savigliano, anche perché qui venne aperta, il 15 agosto 1814, una delle primissime stazioni italiane già pochissimi mesi dopo la nascita dell’Arma (datata 13 luglio 1814).

Nel corso della manifestazione il sindaco di Savigliano, Claudio Cussa, ha ringraziato l’Arma per la vicinanza al paese e al popolo italiano, definendo quella del corpo armato una presenza importante che ha sempre servito il paese con dedizione e con professionalità.

Presente alla cerimonia anche il comandante della compagnia di Savigliano, Gioffreda, che ha ricordato dei fatti storici che hanno messo in evidenza la professionalità e il coraggio dei carabinieri di Savigliano, con tanto di encomi. Presente anche il Generale Micale, comandante del Piemonte e della Valle d’Aosta, che ha ringraziato le istituzioni che sono intervenute e la cittadinanza.

I Carabinieri hanno ricevuto anche un prezioso volume dal titolo “Michele Taffini d’Acceglio, figura di un comandante generale. Il carteggio del corpo dei Carabinieri 1836/1847″, la cui realizzazione è stata curata da Rosalba Belmondo e da Tommaso Gioffreda.

Il Capitano Gioffreda, comandante della compagnia di Savigliano ha messo in evidenza una serie di fatti di cronaca del passato che fanno fatto spiccare il coraggio e la dedizione con encomi conferiti ai Carabinieri di Savigliano.

Ancora un eccellente riconoscimento, dunque, per il corpo dell’Arma dei Carabinieri, a testimonianza dell’importanza che essi hanno per il nostro paese, dalle grande città fino alle realtà più piccole.